Punti di immersione in Provincia di Palermo

LOCALITA' PORTICELLO

 

Scoglio dell'Aspra

Profondita': 30 mt.

Livello: media

Iniziando ad immergersi partendo da una affascinante piscina naturale tra le rocce a pochi metri di profondita', si imbocca uno spacco che ci conduce tra rocce, pareti e tane, sino ad una profondita' di 30 mt. dandoci la possibilita' di incontrare durante il nostro percorso, bellissime aragoste, cicale di mare, cernie e tane di polpi.

 

Scarpone

Profondita': 30 mt. / 40 mt.

Livello: media - facile

Avvicinandoci via mare alla punta del faro di Porticello, ci si imbatte in un imponente scoglio a forma di scarpone da cui il nome del luogo. Le possibilita' di immersioni nei pressi di questo scoglio sono molteplici; si puo' decidere di andare lungo pareti che scendono da 0 mt. a 40 mt. a strapiombo; si puo' decidere di andare lungo massate alla ricerche di tane di aragoste, polpi, cernie, gronghi; o si puo' scegliere di inoltrarsi lungo canion che portano verso il largo per poi ritornare con percorsi molto suggestivi. A voi la scelta.

 

Scoglio della Formica

Profondita: fino a 45 mt.

Livello: facile

Lo scoglio della formica e' una montagna che da 60 mt. di profondita' raggiunge la superficie e fuoriesce dall'acqua per circa mezzo metro, al centro del golfo di Porticello. Essendo la montagna di dimensioni gigantesche, la possibilita' di variare le immersioni, scegliendo percorsi facili o difficili, poco profondi o piuttosto impegnativi, tecnici o ricreativi, ne fa uno dei piu' famosi e visitati punti d'immersione della zona. Il fatto che " La Formica" si trovi in mare aperto contribuisce ad incrementare l'interesse di coloro che qui, oltre a poter vedere le specie che normalmente abitano le nostre coste, possono fare fortunati incontri con amici non sempre comuni come: tonni, pesci luna, grosse ricciole, saraghi imperiali, branchi di occhiate e qualcuno racconta anche di aver fatto un'immersione udendo i versi dei delfini.

 

ISOLA DELLE FEMMINE

 

Aereo

Profondita': 46mt

Livello: impegnativa

Forse la piu' famosa e la piu' caratteristica immersione delle coste palermitane: il relitto di uno Junker 52 (caccia tedesco della 2* guerra mondiale) che giace su un fondo di sabbia alla profondita' di 46 mt.

Nel relitto vivono: aragoste di imponenti dimensioni, cernie da 20 a 40 kg. e Gronghi che raggiungono anche i 2-3 mt. di lunghezza, ai quali e' possibile dare da mangiare e con i quali e' possibile farsi immortalare in indimenticabili foto.

 

LOCALITA' BARCARELLO

 

Punta Angela

Profondita': 18 mt. a 40 mt.

Livello: media

Una serie continua di massi si sussegue lungo una scarpata che da 18 mt. arriva sino a 40 mt.. Sotto questi massi si trovano spacchi e tane che fanno da riparo a saraghi, scorfani, cernie, coralli ed aragoste.

 

Parete dell' Ancora

Profondita': 16 mt. a 34 mt.

Livello: Media - facile

Sicuramente la piu' bella tra le immersioni della zona. L'immersione inizia con una visita all'antica ancora di tonnara dalla quale prende il nome; caratterizzata dalla sicura presenza di aragoste di varie dimensioni, la parete presenta spacchi, grotte, insenature ricchi di Parazoantos, pinna nobilis di imponenti dimensioni, scampi, polpi, cernie e vacchette di mare.

 

LA RISERVA DI CAPO GALLO

 

Grotta dell'Olio

Profondita': 14 mt.

Livello: Facile

Gia' sentiero azzurro di Lega Ambiente la grotta presenta un divertentissimo percorso sia interno che esterno tra tunnel, cunicoli, insenature e massate. Compagni d'immersione sono i simpaticissimi anthias, i grossi granchi ed i colorati gamberetti che si incontrano nei tunnel e nei cunicoli, i cerniotti che abitano sotto i massi nei pressi della grotta e tanti altri amici con le branchie che ci aspettano per darci il benvenuto.

 

Spianata di Capo Gallo

Profondita': 19 mt.

Livello: facile

Praterie di posidonia, rocce ricche di tane, spacchi su pareti ed una spianata di sabbia che si estende verso il largo, ricca di sogliole, seppie, cefali, saraghi, triglie, polpi, coloratissimi ricci e anthias.

 

L'ADDAURA

 

Orlo di priolo

Profondita': 30 mt. a 40 mt.

Livello: impegnativa

Dopo una discesa nel blu per 30 mt. ci si ritrova lungo un'orlata che scende per circa 10 mt. . Nei secoli, quest'orlo ha fatto perdere numerosissime ancore alle tonnare ed alle navi che battevano questa zona, ed e' questa infatti la caratteristica principale di questa immersione: un autentico cimitero di ancore che si estende lungo tutto il percorso dell'orlata.

 

Relitto di Vergine Maria

Profondita': 17 mt.

Livello: facile

Il relitto di Vergine Maria in origine era un mercantile che stavano trasportando ai cantieri navali di Palermo per lo smantellamento; ma come racconta un romantico amico subacqueo, la nave a meta' strada, decise che preferiva morire come nave e non come scatolette di tonno. Durante il percorso si spacco' a meta' franando su un fondale di sabbia alla profondita' di 17 mt.. Oggi un bellissimo reef artificiale, tra le cui stanze e stive quasi tutte percorribili, trovano rifugio: astici, gronghi, corvine, cerniotti, anthias, pinne nobilis e tutta una serie di piccoli e simpaticissimi crostacei che ci accompagnano durante l'immersione.