Proverbi siciliani

 

Megghiu diri “chi sacciu”, ca diri “chi sapeva”.
Meglio dire che so che dire che sapevo.

 

Bon tempu e malu tempu non dura tutto tempu.
Buon tempo e brutto tempo non durano per sempre.

 

A fortuna è fatta a rota sempri vota e sbota.
La fortuna è fatta a ruota sempre gira e  rigira.

 

C’amici e parenti un accattari e vinniri nenti.
Con amici e parenti non comprare e vendere niente.

 

Cosi cuntati, criditini mità, si menu criditi, megghiu faciti.
Credete la metà di quanto vi raccontano, e se ne credete di meno fate meglio.

 

U tempu e a spirienza fannu nasciti a prurienza.
Il tempo e l’esperienza fanno maturare la prudenza.

 

U rispettu e misurata, cu u porta l’avi purtatu.
Il rispetto è misurato chi rispetta viene a sua volta rispettato.

 

Ognunu campa cu l’arti so.
Ognuno vive con la sua arte.

 

Quannu Diu ti voli aiutari finu a casa ti vieni a truvari.
Quando Dio ti vuole aiutare ti aiuta anche se sei a cas.

 

Diu affliggi ma un’abbannuna.
Dio ti lascia soffrire ma non ti abbandona mai.

A megghiu parola è chidda ca nun si dici.

La miglior parola è quella che non viene pronunciata.

 

Acqua ri rocca, sticchiu ri zoppa.

Acqua che sgorga dalla roccia, vagina di donna zoppa.

Nel senso che sono due cose prelibate.

 

Acqua passata nun macina mulinu.

Acqua passata non fa macinare il mulino.

Ciò ch'è stato non serve più.

 

A minchia sbrugghiata nunn'avi patruni.

Il pene liberato in erezione non ha padrone.

Sotto l'impeto degli istinti, non si sente ragione.

 

Agli amici e ai parenti nun vinniri e nun accattari Nenti. che vale anche per Ccu amici e ccu parenti, non c'havìri cchi fari nenti.

Agli amici e ai parenti non vendere e non comprare niente (con amici e con parenti non devi averci niente da fare).

 

Amuri, biddizzi e dinari sunu tri cosi ca nun si ponu ammucciari.

Amore bellezze e denaro sono tre cose che non possono essere nascoste.

 

Amuri ammuccia ogni difettu.

L'amore nasconde ogni difetto.

A lu caru avvicinatici, a lu mircatu pènsaci.

Avvicinati al costoso, rifletti se è a [buon] mercato

Compra cose di qualità e diffida da ciò che viene offerto a buon prezzo.

 

A paredda si pigghia ro manicu

La padella si prende dal manico.

 

A iaddina fa l'ovu e 'o iaddu c'abbampa u culu

La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere.

Riferito a chi vanta e millanta le fatiche altrui.

 

A puvirtà unn' è virgogna, ma mancu preju.

La povertà non è una vergogna, ma neanche pregio.

 

Amici e vàrdati

Amici e guardati.

Guardati dagli amici

 

Agneddu e sucu e finiu 'u vattìu.

Agnello al sugo e poi finisce il battesimo.

Dopo la mangiata è finita la festa.

 

A minchia 'nto culu 'i l'autri è nfilu 'i capiddru.

Il pene nel culo degli altri è come un filo di capelli

Le disgrazie altrui sono poca cosa.

 

A minchia nunn'avi occhi: unni s'anfila s'anfila, e su ss'anfila è megghiu.

Il pene non ha occhi: dove si infila si infila, e se si infila è meglio

 

A liggi è uguali pi tutti ma cu av'i picciuli si nni futti.

La legge è uguale per tutti ma chi ha i soldi se ne fotte.

 

A vita iè comu a scala do puddaru: iè cutta e china 'i medda

La vita è come la scala del pollaio: è corta e piena di merda

 

Cu accurza allonga e cu allonga accurza

Chi vuole fare le cose in fretta alla fine perde più tempo.

 

Ciu annintra iemu, cchiù pisci pigghiamu

Piu' si va al largo, più pesci si pescano.

 

 

Carta veni e iucaturi si vanta

carta fortunata e giocatore che si vanta

 

 

Fujiri è vriogna, ma è sarbamintu di vita

Scappare è da codardi, ma allunga la vita.

 

Futti, futti ca Diu pirduna a tutti.

Ruba, ruba (o inganna) che Dio perdona tutti.

 

I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.

I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno.

 

     Jurnata rutta, rùmpila tutta.

                    Giornata rotta, rompila tutta.

L'ovo cchiu chi coce, cchiu duro addiventa.

L'uovo diventa sempre più duro man mano che cuoce.

 

Lu pani nun stuffa mai.

Il pane non stanca mai.

 

Megghiu suli ca mal'accumpagnati.

Meglio soli che mal accompagnati.

 



 

Cu lassa a vecchia ppa nova, attròva 'a so malanòva.

Chi intraprende nuova vita, spesso si trova pentito

 

Cu ccu cani si curca, ccu pulici si leva.

Chi si corica coi cani si alza con le pulci.

 

Cu di sceccu ne fa voi u primu cauciu è do so.

Chi dell'asino fa bue, il primo calcio è il suo.

 

.

Cu mancia fa muddichi.

Chi mangia fa molliche.

Se fai qualcosa, prima o poi sbagli. Se non fai nulla non sbagli mai.

 

 

Cu fà, fa ppid'iddu.

Chi fa qualcosa lo fa per se stesso.

 

 

Cu pecura si fa, u lupu s'a mancia.

Chi si fa pecora, il lupo lo mangia.

 

Cu s'affuca chi sò manu, nun c'è nuddu ca u chianci.

Chi si strozza con le proprie mani, non ha nessuno che lo piange.


Cummannari è megghiu ri futtiri.

Comandare è meglio che fottere.

 

Caliti juncu, chi passa la china.

Aspetta che passi questo periodo, verrà il tuo momento.

 

Cu paga avanti mancia pisci fitusi.

Chi paga prima mangia pesce puzzolente.

 

 

Cu è minchia? Carnalivari o cu cci va appriessu?

Chi è stupido? Carnevale o chi lo segue?

 

Cu nasci tunnu un' pò moriri quadratu (opp: chiàttu).

Chi nasce tondo non può morire quadrato.

 

Cu pigghia un turcu è so.

Approfittane, nessuno ti chiederà mai il conto.

 

Cu va cô zoppu a l'annu zuppìa.

Chi va con lo zoppo entro l'anno zoppica.